mercoledì 29 aprile 2015

I bombardamenti americani in Siria distruggono il paese e rafforzano l'IS

It was evident early on that the US bombing of alleged ISIS targets inside Syria was, in reality, an attempt to support the terrorist organization backed by NATO and the US as opposed to an attempt to defeat it. While such a suggestion has been repeatedly labeled as a “conspiracy theory” by the mainstream media and other gatekeepers in the “independent” media, the fruits of America’s labor in terms of the bombing campaign cannot be ignored. Likewise, neither can the world ignore the results of Saudi Arabia’s bombing of Yemen.

The truth is that the United States, NATO, and the GCC/Arab League are bombing in couched support of ISIS, increasing its gains and hold on power with every sortie fired. With this fact recognized, the NATO/GCC network of national governments can now officially be labeled as the Air Force of Al-Qaeda.

For instance, while the secular government of Bashar al-Assad remained the only force inside Syria actually fighting al-Qaeda and ISIS – terrorist organizations trained, funded, armed, and deployed by the United States, NATO, and the GCC – the brutality of these death squads was used by the Western propaganda machine to justify a bombing campaign that was actually directed at Syrian military and civilian infrastructure.

These strikes were launched against Syrian oil refineries (see here also), bridges, civilian neighborhoods, warehouses, agricultural centers, and grain silos. Others were made strategically against infrastructure that was set to soon be taken back by the Syrian military after long-fought battles with the terrorists.

Likewise, the US bombing campaign in Iraq has had much more to do with protecting Western-owned oil fields and death squad herding than eliminating ISIS. In fact, Iraqi armed forces and government officials have repeatedly revealed that the US military has actually been supplying ISIS during the entire course of the bombing.
Yet while the Western mainstream press has attempted to paint the Iraqi claims of American assistance to ISIS as “conspiracy theories” and the manifestation of jealousy, that same press has been forced to admit that the bombing campaign has resulted in a stronger ISIS presence in Iraq and Syria and that the terrorist group has become stronger in terms of strategic location and military presence.

As the Daily Beast reported in January of 2015,

American jets are pounding Syria. But ISIS is taking key terrain—and putting more and more people under its black banners.

ISIS continues to gain substantial ground in Syria, despite nearly 800 airstrikes in the American-led campaign to break its grip there.

At least one-third of the country’s territory is now under ISIS influence, with recent gains in rural areas that can serve as a conduit to major cities that the so-called Islamic State hopes to eventually claim as part of its caliphate. Meanwhile, the Islamic extremist group does not appear to have suffered any major ground losses since the strikes began. The result is a net ground gain for ISIS, according to information compiled by two groups with on-the-ground sources.

In Syria, ISIS “has not any lost any key terrain,” Jennifer Cafarella, a fellow at the Washington, D.C.-based Institute for the Study of War who studies the Syrian conflict, explained to The Daily Beast.

Even U.S. military officials privately conceded to The Daily Beast that ISIS has gained ground in some areas, even as the Pentagon claims its seized territory elsewhere, largely around the northern city of Kobani. That’s been the focus of the U.S.-led campaign, and ISIS has not been able to take the town, despite its best efforts.

The report continued by pointing out that the ISIS gains were not only in terms of land mass but also in terms of “control of people,” meaning populated areas and strategic locations. It reads,

“Assessing the map, ISIS has almost doubled its territorial control in Syria. But more importantly, the number of people who now live under ISIS control has also increased substantially,” CDS political adviser Mouaz Moustafa said.

With the fall of that much territory into ISIS hands, Syrians who once lived in ungoverned or rebel held areas are now under ISIS’s grip. Of course, in an irregular war like this one, control of people is far more important than control of territory. In that regard, too, things appear to be going in the wrong direction.

Since the U.S. campaign began in August, “there are little buds of ISIS control in eastern Homs, al Qalamoun [which borders northern Lebanon], and southern Damascus that do appear to be growing because of that freedom of operation that can connect those western cells to key ISIS terrains in Raqqa and Deir ez Zour” in northern and eastern Syria.

While the United States and NATO act as al-Qaeda’s Air Force in Iraq and Syria, Saudi Arabia and the Arab League fulfill the same role in Yemen. In addition to bombing the Houthi rebels in a bid to retain ousted President Hadi in power and to prevent the possibility of greater Iranian influence in the region, the Saudis have also provided direct air support for extremists and al-Qaeda jihadis who are currently on the ground in Yemen, themselves taking control of swaths of territory.

For instance, in an interview with NPR, Leila Fadel stated:

Well, al-Qaeda has been growing in Yemen for a while. But it seems to be accelerating in the midst of this bombing campaign. And it [al Qaeda] is not a focus of the Saudi-led airstrikes right now.

But critics say that actually Saudi’s war is feeding al-Qaeda. One western diplomat says al-Qaeda’s actually growing like a weed right now. And a spokesman for al-Qaeda inside Yemen says they’re really happy with the airstrikes because it’s weakening their enemies, who are the Houthis and the Yemeni army.

In other words, the Saudi airstrikes are enabling al-Qaeda’s influence and territorial gains to spread across the country.

This, of course, should come as no surprise to any informed observer. Saudi Arabia has long been recognized as the largest supporter of terror worldwide, only attempting to slightly veil its support for terrorist organizations like ISIS, al-Qaeda, and Chechen rebels. That support for terror and terrorism comes with the obvious blessing of the United States, Israel, and NATO since that terror is directed at target countries abroad and a dissatisfied but compliant target population at home.

The fact is that al-Qaeda, IS, and the other related terrorist organizations function as the CIA’s Arab legion. They are used to weaken and overthrow governments as well as to act as a constant bogeyman for populations back home so that civil liberties and Constitutional rights will be sacrificed willingly for the perception of security.

If the American people will wise up to this fact, one of the major tools used by the world oligarchy to terrorize the domestic population and the rest of the world will be yanked from their hands.

lunedì 20 aprile 2015

La complicità dell’Acea nello sfruttamento del lavoro minorile palestinese nelle colonie israeliane

Comunicato del Comitato No all'Accordo Acea-Mekorot. Steph

La complicità dell’Acea nello sfruttamento del lavoro minorile palestinese nelle colonie israeliane

L’organizzazione internazionale per i diritti umani Human Rights Watch (HRW) ha pubblicato un nuovo rapporto sul lavoro minorile palestinese nelle colonie israeliane in Cisgiordania. Nel rapporto, Ripe for Abuse (Maturi per gli Abusi), HRW documenta casi di minori palestinesi, anche di 11 anni, che lavorano in condizioni vietate dal diritto internazionale.

I minori palestinesi lavorano in genere 8 ore al giorno per 6-7 giorni alla settimana, per una paga che in media è meno della metà della paga minima obbligatoria per la legge israeliana. Trattano pesticidi e sostanze chimiche di cui, sempre per la legge israeliana, è vietato l’uso da parte di minori e che sono del tutto vietate nell’UE perché dannose per la salute. Portano carichi pesanti, utilizzano macchine pericolose e lavorano a temperature molte alte nelle serre. Non hanno l’assicurazione sanitaria e sono costretti a pagare autonomamente le spese mediche per infortuni e malattie contratte sul lavoro.

I minori intervistati lavorano nella Valle del Giordano, dove vivono circa 80.000 palestinesi e 9.500 coloni israeliani. Il 94% delle terre sono vietate ai palestinesi mentre Israele ha assegnato l’86% dell’area alle colonie e alle loro piantagioni. La società idrica nazionale israeliana Mekorot fornisce il 70% del fabbisogno di acqua delle colonie nella Valle del Giordano, sottraendola illegalmente dalle falde idriche sotterranee alla valle. L’altro 30% viene dal fiume Giordano, al quale i palestinesi non possono accedere.

Il mancato accesso alle terre e all’acqua fa sì che il tasso di povertà tra i palestinesi nell’area sia il più alto in tutta la Cisgiordania. Infatti, la stragrande maggioranza dei bambini intervistati ha affermato di aver abbandonato la scuola per aiutare le proprie famiglie, come confermano anche insegnanti e direttori scolastici.

Ed è proprio con la Mekorot che l’Acea ha firmato un accordo di cooperazione nel dicembre del 2013. Tale accordo aveva già reso l’Acea complice delle violazioni del diritto internazionale da parte di Mekorot, che, oltre a sottrarre illegalmente l’acqua alle falde palestinesi e fornirla alle colonie illegali israeliane, riduce sistematicamente il rifornimento di acqua alle comunità palestinesi e partecipa alla distruzione delle infrastrutture idriche palestinesi.

Il Comitato No all’Accordo Acea-Mekorotha ripetutamente chiesto un incontro con il Sindaco Marino, al quale è stato inviato un dossier sulle complicità di Mekorot con il regime israeliano di occupazione, ma non ha mai ricevuto una risposta.

Ora si aggiunge anche il ruolo della Mekorot nel favorire lo sfruttamento del lavoro minorile palestinese.

Cosa altro ci vuole affinché il Comune di Roma, azionista di maggioranza, e l’Acea prendano misure per assicurare che l’accordo non abbia un seguito in modo da evitare complicità con le violazione dei diritti?

Il Comitato fa di nuovo appello a tutti gli enti locali il cui servizio idrico è affidato a società partecipate da Acea affinché si attivino per far ritirare l’accordo.

Comitato No all’Accordo Acea Mekorot

Il rapporto e il video di Human Rights Watch:

"Maturi per gli abusi: il lavoro minorile palestinese nelle colonie agricole israeliane in Cisgiordania"

sabato 18 aprile 2015

Scontri tra palestinesi vicino a Damasco

Scontri tra palestinesi vicino a Damasco

Mercoledì 1 aprile 2015, nel campo profughi palestinese di Yarmuk, nella periferia di Damasco, si è tenuta una cerimonia organizzata dal ministero siriano della Riconciliazione.

Tuttavia, il campo è stato attaccato da elementi armati provenienti dal vicino villaggio Hajar el-Aswad, alleati ad alcuni ex militanti di Hamas, che inizialmente raggiunsero il Fronte al-Nusra (al-Qaïda) e che oggi fanno parte dell’Emirato islamico (Daesh).

Per varie ore, degli scontri violenti hanno opposto l’Emirato islamico a diverse milizie palestinesi, tra cui alcuni ex compagni di Hamas. A fine serata, gli jihadisti controllavano gran parte del campo. Ma durante la notte, l’Esercito Arabo Siriano ha spiegato dei rinforzi in favore delle milizie palestinesi, obbligando così gli jihadisti di Daesh ad abbandonare completamente il campo.

In Siria, il campo "Yarmuk" e il campo "Palestina", non sono solo dei campi profughi con tende o delle baraccopoli, come negli altri vicini Stati arabi. In realtà sono delle vere e proprie città, costruite secondo le regole siriane. Tradizionalmente vengono amministrati dalla Repubblica araba di Siria, in collaborazione con alcuni partiti politici palestinesi.

Verso la fine del 2012, alcuni miliziani di Hamas, fedeli a Khaled Mechaal, hanno fatto infiltrare nel campo degli jihadisti di Fronte al-Nusra (al- Qaïda) e degli ufficiali del Mossad, nel tentativo di assassinare i leader del Fatah e del Fronte Popolare di Liberazione della Palestina (FPLP) [1]. La Repubblica araba di Siria ha mandato immediatamente 160 000 SMS ai profughi, invitandoli a fuggire. Tra questi, 120 000 profughi sono stati rialloggiati in scuole ed hotel della capitale in 48 ore. L’Esercito Arabo Siriano, così, ha dato l’assalto al campo con il sostegno dell’Autorità palestinese. In definitiva, visti gli scontri terribili e l’assedio subito, un accordo politico ha portato ad un "congelamento" della situazione del campo, dove si trovavano ancora 18 000 persone. La cerimonia di ieri, avrebbe dovuto segnare la riconciliazione tra la Repubblica araba di Siria, l’FPLP ed il Fatah da una parte, e dall’altra, un certo ramo di Hamas e alcuni elementi del Fronte al-Nusra.

Da un paio d’anni, alcuni gruppi palestinesi opposti alla Repubblica araba di Siria, attaccano tutti i convogli di approvvigionamento alimentare che entrano nel campo, confiscano la merce e la rivendono 3.5 volte il suo prezzo agli abitanti del campo. La popolazione per alimentarsi, è costretta quindi a diventare membro di questi gruppi che, in cambio, gli versano un salario in dollari.

La stampa del Golfo ha lanciato una campagna di propaganda che accusa l’Esercito Arabo Siriano di bombardare e lasciar morire di fame i palestinesi, emulando le azioni di Israele nella Striscia di Gaza.

Tuttavia, la Siria è l’unico Stato arabo ad offrire l’uguaglianza giuridica assoluta ai palestinesi e l’accesso gratuito alle scuole, alle università e a tutti i servizi sociali. Numerosi generali dell’Esercito Arabo Siriano sono palestinesi.

Federico Vasapolli

mercoledì 8 aprile 2015

Internazionale «Yarmouk, modello del conflitto regionale, paga lo scotto della guerra ad Assad»

il manifesto - quotidiano comunista

Edizione del 8 aprile 2015

—  Chiara Cruciati, 7.4.2015

Siria. Intervista all'analista palestinese Nassar Ibrahim: nel campo di Damasco presenti tutti gli attori del conflitto siriano. Secondo l'Olp, i combattenti palestinesi hanno riconquistato parte del campo profughi

Deca­pi­ta­zioni, assenza di cibo e medi­ci­nali, colpi di arti­glie­ria con­tro le case e cec­chini che mirano a chiun­que provi a uscire o entrare nel campo. Yar­mouk, la “capi­tale” dei rifu­giati pale­sti­nesi, il sim­bolo della dia­spora e dell’agognato diritto al ritorno, vive l’ennesimo capi­tolo della sua per­so­nale tragedia.

A com­bat­tere den­tro Yar­mouk sono i gruppi pale­sti­nesi, nell’estremo ten­ta­tivo di difen­dere quel poco di nor­ma­lità che il campo ha sem­pre rap­pre­sen­tato fino allo scop­pio della guerra civile siriana. Ma i resi­denti sono allo stremo, senza cibo, acqua né medi­ci­nali, fa sapere l’Unrwa, l’agenzia Onu per i rifu­giati palestinesi.

Secondo Anwar Abdel-Hadi, respon­sa­bile dell’Olp in Siria, «lo Stato Isla­mico [entrato defi­ni­ti­va­mente a Yar­mouk una set­ti­mana fa, ndr] con­trolla ora il 60% di Yar­mouk, dopo aver preso il 90% ma essere stato poi respinto dai gruppi armati da alcuni quar­tieri del campo». Ancora sono in corso gli scon­tri tra le vie strette del campo pro­fu­ghi, scon­tri a cui prende parte l’artiglieria del governo di Dama­sco, inten­zio­nato a non per­met­tere agli isla­mi­sti di avvi­ci­narsi ulte­rior­mente al cuore della capitale.

«Yar­mouk il più grande campo pro­fu­ghi pale­sti­nese al mondo e base per decenni della lea­der­ship pale­sti­nese in esi­lio, è modello della guerra civile siriana ma anche del più ampio con­flitto che oggi scuote la regione – spiega al mani­fe­sto l’analista pale­sti­nese Nas­sar Ibra­him – Den­tro Yar­mouk sono pre­senti, diret­ta­mente e indi­ret­ta­mente, tutti gli attori locali, regio­nali e inter­na­zio­nali che da quat­tro anni ten­tano di deci­dere le sorti di Dama­sco, facendo col­las­sare il governo del pre­si­dente Bashar al-Assad. Ci sono i gruppi isla­mi­sti creati e finan­ziati dal Golfo e dalla Tur­chia; ci sono le oppo­si­zioni mode­rate, stru­mento occi­den­tale; ci sono i gruppi pro-Assad, c’è l’esercito gover­na­tivo; c’è il calif­fato di al-Baghdadi».

Den­tro Yar­mouk sono in tanti a com­bat­tere, ma a pagarne le spese è quel che rimane della popo­la­zione del campo, che prima oscil­lava tra le 150mila e le 180mila per­sone, per lo più rifu­giati pale­sti­nesi, ma anche siriani poveri impos­si­bi­li­tati a vivere nella capi­tale. Dif­fi­cile dare un bilan­cio esatto delle vit­time: la stampa parla di 40 morti dallo scorso mer­co­ledì, quando l’Isis ha fatto irru­zione nel campo; fonti medi­che di quasi 200.

I gruppi pre­senti coprono l’intero spet­tro del con­flitto: due gruppi pale­sti­nesi pro-Assad, il Fronte Popo­lare per la Libe­ra­zione della Pale­stina – Gene­ral Com­mand e Fatah al Inti­fada, vicino ad Hez­bol­lah; i qae­di­sti di al-Nusra, i siriani isla­mi­sti di Ahrar al-Sham, i siriani mode­rati dell’Esercito Libero, oppo­si­zione a Dama­sco; e i gruppi pale­sti­nesi Aknaf Beit al-Maqdis (orga­niz­zati da Hamas) e i fuo­riu­sciti del Pflp, al-Uhda al-Umariya.

«Nel 2011 il governo di Dama­sco ha ten­tato di lasciare fuori i pro­fu­ghi pale­sti­nesi dal con­flitto. Vi sono stati tra­sci­nati dalla deci­sione di Hamas di abban­do­nare l’ex alleato siriano, per schie­rarsi con l’asse di oppo­si­zione – con­ti­nua Ibra­him – Fino al 2012 il capo di Hamas, Kha­led Meshaal, aveva la sua base a Yar­mouk. Que­sta rot­tura ha por­tato i gruppi pale­sti­nesi vicini ad Hamas a schie­rarsi con i ribelli siriani: Yar­mouk è finita nel cuore del conflitto».

«Oggi Yar­mouk è il terzo fronte aperto in que­ste set­ti­mane dalle oppo­si­zioni interne e dai nemici esterni con­tro il governo Assad, a seguito delle vit­to­rie segnate dall’asse sciita in Yemen (dove l’Arabia Sau­dita non rie­sce a fre­nare l’avanzata Hou­thi) e in Iraq (dove i pasda­ran ira­niani hanno libe­rato Tikrit). Il primo fronte è al con­fine con la Gior­da­nia: una set­ti­mana fa al-Nusra ha preso il prin­ci­pale valico con il regno hashe­mita, Nasib. Il secondo fronte è a nord, a Idlib, occu­pata dai qae­di­sti. E il terzo è Yar­mouk, che dopo le bat­ta­glie per il con­trollo delle regioni set­ten­trio­nali, da Aleppo a Raqqa, e quelle meri­dio­nali al con­fine con il Golan, ha fatto tor­nare cen­trale Damasco.Yarmouk è oggi fon­da­men­tale per­ché a pochi km dal cuore del governo Assad, per­ché modello del più ampio con­flitto a livello nazio­nale e regio­nale e, infine, per­ché rap­pre­senta la que­stione pale­sti­nese e i ten­ta­tivi di stru­men­ta­liz­za­zione da parte di tutti gli attori coinvolti».

Chi paga le spese delle tante guerre per pro­cura medio­rien­tali è la popo­la­zione civile. Lunedì il Con­si­glio di Sicu­rezza dell’Onu ha chie­sto la crea­zione di un accesso uma­ni­ta­rio al campo per garan­tire la pro­te­zione dei civili e la loro eva­cua­zione. Ma la situa­zione, dice Pierre Kra­hen­buhl, capo dell’agenzia Onu Unrwa, «è più dispe­rata che mai». Alle bombe gover­na­tive che pio­vono sul campo, nel ten­ta­tivo di col­pire le posta­zioni dell’Isis, si aggiun­gono le atro­cità dello Stato Isla­mico: almeno nove com­bat­tenti pale­sti­nesi sareb­bero stati uccisi, due di loro decapitati.

Così il numero di resi­denti di Yar­mouk con­ti­nua ad assot­ti­gliarsi: 18mila dopo lo scop­pio della guerra civile, il 10% della popo­la­zione totale; 15-16mila oggi, dopo la fuga dispe­rata dalle bar­ba­rie dell’Isis di altri 2mila rifu­giati che in qual­che modo sono riu­sciti a rom­pere l’assedio e a darsi alla fuga.